SIRACUSA – “ARIA PULITA?” INTERROGAZIONE AL GOVERNO REGIONALE DI MARIKA DI MARCO. Commento e comunicato stampa

Deputato Ars Marika Cirone Di Marco

 

(gregorio valvo)Siracusa, 4 marzo2013 –  Finalmente tra i tanti parlamentari che Siracusa elegge e nomina spunta qualcuno che non pensa solamente alle beghe di partito e alle strategie politiche “ ma anche”, come diceva Veltroni, alle cose che attengono al bene comune. Nella fattispecie quello dell’aria. L’assessore regionale all’ambiente e il governatore Crocetta leggeranno presto l’interrogazione presentata dall’onorevole Marika Cirone di Marco in merito alla qualità dell’aria che si respira in Sicilia. Ovviamente, ilpunctum dolens della richiesta avanzata è rappresentato dalla “scoperta” che faranno  i rappresentati del governo regionale sull’aria che respirano i siracusani. Cioè, la peggiore d’Italia. Non sappiamo come potrà incidere un’ interrogazione “regionale”, per mutare una situazione che neanche un ministro all’Ambiente come Stefania Prestigiacomo ha potuto cambiare. Sappiamo che mettersi contro le industrie multinazionali non è cosa facile per nessuno. E comprendiamo. Non sappiamo se l’on Cirone Di Marco ha informato i neo rappresentanti alla Camera del suo partito, il Pd, della battaglia che intende intraprendere a favore dell’aria più respirabile che i siracusani desiderano. Certamente, in questa battaglia, una grande mano di aiuto potrebbe fornirla l’on Pippo Zappulla che più di chiunque conosce dati tecnici e le vie per la soluzione possibile per i suoi trascorsi di massimo esponente  Cgil in Provincia. Se realmente un passo avanti a favore dell’ambiente disastrato siracusano sarà fatto,  vorrà dire che la politica comincia a pensare di cambiare. Spezzare gli inciuci che hanno portato i siracusani a respirare tumori allo stato gassoso, dovrebbe essere l’obiettivo principale di ogni cittadino e di ogni politico delegato a legiferare. Non per noi ma per la nuova generazione che ancora non è in condizione di rendersi conto della triste realtà che l’attende. Forza onorevole Marika, aspettiamo qualche risultato, in un modo o nell’altro veda di non deluderci.       

 

 (CS)Siracusa, 4 marzo 2013 – Il deputato regionale del PD, Marika Cirone Di Marco ha inviato un’interrogazione al presidente della Regione Siciliana e all’assessore regionale per il Territorio e l’Ambiente sulle condizioni della qualità dell’aria in Sicilia. L’iniziativa prende spunto dal recente report di Lega ambiente. L’interrogazione, in particolare, riguarda gli impianti industriali di Priolo e il polo petrolchimico di Gela. Si fa riferimento, inoltre, alle navi che approdano nei porti industriali e al Piano di tutela della qualità dell’aria, di cui la Regione Siciliana non si è ancora dotata. Nell’interrogazione viene chiesto di procedere alla revisione dei provvedimenti AIA finora concessi, per verificare la prescrizione e la reale adozione delle migliori tecnologie disponibili (BAT). Di realizzare sistemi tali da recuperare in tutto o in massima parte gli off-gas per evitarne l’invio alle torce. Di adeguare l’impianto IAS di Priolo per azzerare le sue emissioni. Di controllare e revisionare gli impianti di desolforazione nonché il divieto di utilizzo della H2S nei forni, la verifica straordinaria di tutti i serbatoi e delle condutture al fine di evitare fughe di gas incontrollate. Marika Cirone Di Marco chiede ancora quali misure s’intendono adottare per rendere più stringente il controllo sulle navi mercantili e sui terminali petroliferi, in particolare dove sussistono per di più aree di rispetto e tutela ambientale o di particolare pregio archeologico. Di censire le attività di bonifica con azoto presso i depositi gli impianti le linee e le navi gasiere e petroliere per valutarne le emissioni, per garantire costantemente l’accesso e la diffusione delle informazioni alla popolazione relative alla qualità dell’aria ambiente, così come previsto dal Decreto Legislativo 13.08.2010 n.155, e pubblicando i report giornalieri sui siti istituzionali dei comuni e dell’Arpa, Viene chiesto, infine, di accelerare l’approntamento e il varo del Piano di Tutela della Qualità dell’Aria per la Sicilia.

 

 

Al Presidente della Regione

all’Assessore per il territorio e l’ambiente

 

premesso che:   la Sicilia, in presenza dei numerosi impianti petrolchimici e termoelettrici attivi nel proprio territorio, si piazza ai primissimi posti nella poco onorevole classifica delle emissioni più ingenti e inquinanti di PM10 e di idrocarburi non metanici e che in alcune zone, come quelle del siracusano, riscontra un conclamato aumento delle patologie tumorali e delle ipospadie;

 rilevato  che l’impianto cloro-soda di Priolo è stato chiuso solo alla fine del 2005  e che in questi giorni si sta celebrando il processo giudiziario per i danni sanitari subiti dai lavoratori di quegli impianti; per il polo di Gela la commissione per l’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ha concluso i lavori a metà dicembre e si è ancora in attesa del provvedimento definitivo che entro 24 mesi dovrebbe ridurre le emissioni di SO2 dagli attuali 900 mg/mc a 400 mg/mc; le navi che approdano nei porti industriali hanno l’obbligo di cambiare l’alimentazione di motori e apparati ausiliari solo all’interno delle rade e in prossimità dell’ormeggio ai pontili e che dunque il contributo delle navi ai fini dell’inquinamento è notevole, nonostante gli stringenti vincoli imposti dall’UE all’utilizzo di combustibili ad alto contenuto di zolfo all’interno dei porti, nelle aree limitrofe e nelle zone speciali

 considerato che la qualità dell’aria delle città prossime alla zona industriale non è migliorata e che ripetuti blackout e il fermo di numerosi impianti industriali, soprattutto nell’area di Siracusa, hanno riproposto la carenza di trasparenza e informazioni verso le amministrazioni comunali e i cittadini oltre che l’uso improprio delle torce come primo rimedio (e non come estremo, quale dovrebbe essere) per fronteggiare l’emergenza e smaltire i gas;  visto che la Regione non si è ancora dotata del prescritto Piano di tutela dell’Aria, il polo petrolchimico di Gela  attende il provvedimento definitivo dell’AIA mentre gli impianti della Versalis di Priolo non sono ancora in possesso di tale autorizzazione per sapere  se non ritengano opportuno procedere alla revisione dei provvedimenti AIA finora concessi per verificare la prescrizione e la reale adozione delle migliori tecnologie disponibili (BAT); alla realizzazione di sistemi tali da recuperare in tutto o in massima parte gli off-gas per evitarne l’invio alle torce; all’adeguamento dell’impianto IAS di Priolo per azzerare le sue emissioni; al controllo e alla revisione degli impianti di desolforazione nonché al divieto di utilizzo della H2S nei forni, la verifica straordinaria di tutti i serbatoi e delle condutture al fine di evitare fughe di gas incontrollate; quali misure intendono adottare per rendere più stringente il controllo sulle navi mercantili e sui terminali petroliferi, in particolare dove sussistono per di più aree di rispetto e tutela ambientale o di particolare pregio archeologico; per censire le attività di bonifica con azoto presso i depositi gli impianti le linee e le navi gasiere e petroliere per valutarne le emissioni, per garantire costantemente l’accesso e la diffusione delle informazioni alla popolazione relative alla qualità dell’aria ambiente, così come previsto dal Decreto Legislativo 13.08.2010 n.155, e pubblicando i report giornalieri sui siti istituzionali dei comuni e dell’Arpa; se non ritengano di dovere accelerare l’approntamento e il varo del Piano di Tutela della Qualità dell’Aria per la Sicilia.

L’interrogante chiede  lo svolgimento  con urgenza    Cirone

http://www.lanota7.it/siracusa-aria-pulita-interrogazione-al-governo-regionale-di-marika-di-marco/

 

 

Annunci

Messo il tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: